Condividi

La Guida Completa Su Come Ottimizzare La Logistica Di Magazzino Per Una Azienda Efficiente E Moderna

In controtendenza con gli altri paesi dell'unione Europea, in Italia sono ancora tante le aziende che gestiscono la logistica di magazzino tramite l'utilizzo, spesso manuale, di software generici come fogli di calcolo, soggetti ad ampi margini di errore.

 

Fra gli errori più comuni citiamo :

  • la data entry che può portare errori di battitura;

  • la mancata condivisione dei documenti

  • l'impossibilità di avere a disposizione una situazione aggiornata in tempo reale con conseguente impossibilità di una gestione integrata di tutto il ciclo logistico/produttivo aziendale.

 

I CAMBIAMENTI DETTATI DAI TEMPI

La crisi che dal 2008 interessa i mercati mondiali a livello globale ha portato a un sostanziale diversificarsi delle strategie di ottimizzazione di tempi e costi e la logistica di magazzino nel senso più esteso della “supply chain” (in italiano “catena di fornitura”) è uno degli elementi strategici nelle attività di una impresa che devono trovare supporto in una corretta implementazione di strumenti informatici in grado di garantire una gestione integrata e in tempo reale con tutto il ciclo produttivo aziendale creando valore e migliorando le performance aziendali.

logistica di magazzino

 

L'IMPORTANZA DEL MAGAZZINO IN BASE ALLA SUA FUNZIONE

La logistica di magazzino assume più o meno importanza in funzione a :

  • utenze (clienti interni come la produzione o i montaggi, clienti esterni come il retail, le filiali, l'estero e la GDO)

  • esigenze specifiche di mercato (una logistica di magazzino di qualità è indispensabile dove vengono richiesti livelli di servizio rapidi come in aziende commerciali o di distribuzione)

  • posizione nella supply chain (prodotti finiti, materie prime, materiali di consumo)

L'ANALISI PER LA GESTIONE DELLA LOGISTICA DI MAGAZZINO 

È noto che la gestione del magazzino è uno dei costi nascosti più difficili da analizzare e, soprattutto, da contenere.

Le nuove tecniche hanno, però, permesso di trovare una soluzione adeguata per ogni situazione tramite l'utilizzo di tecniche specifiche :

  • JIT (Just In Time) è la tecnica per la logistica di magazzino maggiormente utilizzata soprattutto per gli articoli più costosi e con più basso indice di rotazione, al fine di evitare che tali item rimangono nel magazzino aziendale inutilizzati e incorrano in rischi di obsolescenza o danni per mancato utilizzo.

  • A scorta con punto di riordino è la tecnica tradizionale per articoli ad alta rotazione ma dal basso costo che si potrebbero rivelare estremamente critici per la gestione aziendale. Immaginiamo un'azienda meccanica di assemblaggio che si trova senza viti perché si è verificato un consumo imprevisto e improvviso. Tutta l'attività produttiva si ferma solamente per l'assenza di tale articolo. In tal caso i costi di stock out sono più elevati dei risparmi che si possono ottenere con l'applicazione delle tecniche JIT.

  • L'innovativa introduzione del principio di Pareto conosciuto anche come “legge 80/20” secondo cui l'80% degli effetti dipende dal 20% delle cause ci permette di conoscere gli articoli sulla quale focalizzare la propria attenzione definendo le classi degli articoli in base alla loro criticità e per definire le zone di allocazione all'interno del magazzino ottimizzando fra le altre cose i tempi del “picking” (prelievo).

logistica di magazzino

CONSIGLI PRATICI PER UNA LOGISTICA DI MAGAZZINO EFFICIENTE

Ogni azienda in base alla sua tipologia ha una organizzazione diversa della logistica di magazzino. Possiamo però tracciare alcune linee guida valide universalmente. I benefici saranno tangibili e i risultati quasi garantiti :

  • Il Personale

    • Individuare le persone con una più elevata attitudine/preparazione allo svolgimento delle mansioni in grado di garantire precisione e velocità;

    • Garantire una formazione adeguata e continua

    • Responsabilizzare il personale affinché prenda consapevolezza dell'importanza dei compiti assegnati e di eventuali danni economici/strutturali/ritardi che una mancanza può comportare;

    • Lavorare di squadra perché la logistica di magazzino può essere concettualmente quanto più vicina alla perfezione quanto è nulla se il personale adibito non è parte integrante di un meccanismo ben oleato;

    • Stabilire modelli e istruzioni di facile comprensione in quanto l'improvvisa mancanza di personale per malattia/infortunio/licenziamento deve permettere a una nuova risorsa di poter apprendere velocemente, garantendo la dovuta continuità;

    • Monitorare i propri tempi di esecuzione e riportarli fedelmente all'interno di un software;

    • Il dialogo con colleghi e responsabili è fondamentale: condividendo punti di vista e critiche che potrebbero migliorare la sicurezza, ridurre i tempi o più semplicemente rendere più agevole lo svolgimento di una determinata operazione;

  • Il Magazzino

    • Garantire spazi di manovra che permettano a personale e macchine incaricate di muoversi comodamente e senza pericoli;

    • Le scaffalature e i ripiani devono essere costantemente monitorati garantendo la stabilità dello stoccaggio delle merci e degli imballi;

    • Dividere il magazzino per zone ben delineate (ricevimento, spedizioni, semilavorati, minuterie, prodotto finito etc etc);

    • Assicurarsi che la cartellonistica e i segnali di sicurezza siano ben visibili e conformi alla legge;

    • Contrassegnare tramite l'applicazione di una etichetta o di un cartellone tutte le corsie, i ripiani, i macchinari esattamente come riportato nel proprio software gestionale;

    • Pulire e mettere in ordine costantemente in quanto un ambiente salubre, ordinato e pulito non solo spinge a continuare a mantenere l'ambiente nelle stesse condizioni, ma riduce il rischio di eventuali infortuni e permette al personale una maggior libertà nei movimenti;

    • Del personale motivato è uno dei fattori trainanti di una logistica di magazzino efficiente. Garantirgli un comfort elevato è doveroso.

    • Lo stoccaggio deve essere sempre fatto in maniera ordinata garantendo continuità e stabilità; Non stoccare mai in altro posto che non sia esattamente quello previsto;

    • Adottare mezzi di precisione (bilance, calibri etc etc) possibilmente integrati con il software gestionale;

    • Utilizzare mezzi di acquisizione automatici. A titolo puramente esplicativo, il tempo di inserimento manuale di un intero codice a barre di n cifre è sicuramente molto più dispendioso di tempo di un acquisizione tramite pistole laser, scanner o penne ottiche, senza considerare l'azzeramento del possibile errore umano di digitazione;

  • I Mezzi

    • Assicurarsi che i mezzi, gli utensili e gli attrezzi siano in buono stato d'uso;

    • Effettuare regolarmente la revisione e la manutenzione dei mezzi rispettando i tempi indicati. Il buonsenso induce a ravvicinare i tempi di revisione e manutenzione in caso di mezzi non del tutto nuovi o vetusti ma comunque utilizzabili;

    • Movimentare le merci con i mezzi consigliati o ritenuti più idonei allo scopo;

  • La Gestione dei flussi

    • Inventariare a cadenze regolari e frequenti il magazzino riportando eventuali differenze;

    • Verificare attentamente le quantità e il contenuto prima di firmare l'accettazione della merce consegna. Una incauta accettazione di una consegna non conforme può esporre l'azienda a danni che vanno a ripercuotersi su tutta la supply chain oltre al danno patrimoniale;

    • Assicurarsi che la merce in uscita abbia l'idonea etichettatura, imballo e il relativo documento di trasporto previsto (fattura, DDT etc etc);

    • Attenersi scrupolosamente agli ordini di lavoro (comunemente dette “comande”) che dovrebbero essere predisposte inserendo tutte le informazioni di cui il personale ha bisogno per la corretta evasione nel minor tempo;

    • Coordinare i corrieri/trasportatori/spedizionieri secondo il proprio programma lavorativo e la disponibilità di personale e spazi evitando picchi o sovrapposizioni;

  • Software per la gestione della logistica di magazzino WMS (Warehouse Management System) utilizzare un software che :

    • abbia una struttura modulare (funzioni base, opzionali e moduli di ampliamento);

    • possa essere parametrizzata dal cliente;

    • personalizzato e integrato perfettamente con i processi di logistica di magazzino;

    • Scegliere un software che sia quanto più completo e al servizio dell'utente semplificandone e rendendone comprensibili i processi e i documenti;

    • Assicurarsi che il software sia “aperto” alle innovazioni. A titolo meramente esplicativo, le etichette sono il modo ancora più diffuso per indentificare un prodotto dall'imballo, non è però da trascurare il RFID (radio frequency identification, in italiano identificazione a radiofrequenza)

 

La soluzione che suggeriamo è il software RightStore, studiato per essere un valido alleato nella gestione del magazzino, un programma semplice e facilmente integrabile con la maggior parte degli ERP. Visita la pagina RightStore per approfondimenti e scarica la brochure allegata.

 

Raccontaci la tua storia, come hai migliorato la tua logistica di magazzino o come pensi di migliorarla, clicca su "Richiedi Informazioni" per una consulenza gratuita.

0
Per ricevere i prossimi articoli, le novità e gli inviti ai nostri eventi
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Se vuoi approfondire, hai domande o suggerimenti scrivici senza impegno!
RICHIEDI INFORMAZIONI
'